Dal Sale Solo Benessere | La terapia nelle grotte di sale
1631
page,page-id-1631,page-template-default,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,large,shadow3

INDICAZIONI TERAPEUTICHE

Allergia

La terapia nelle grotte di sale è sconsigliata solo in caso di allergia allo iodio; è necessario effettuare un controllo medico e chiedere un’opportuna valutazione dello stato di salute e delle possibili controindicazioni, nei casi di malattie tumorali. La principale caratteristica su cui basa la terapia nelle grotte di sale è la presenza di ioni negativi, che in un metro cubo di aria di città non superano le duecento particelle, mentre negli ambienti con aria ionizzata arrivano a mille. Gli ioni di mucose, dei bronchi e in generale delle vie respiratorie. Per questo motivo le sedute nelle grotte di sale vengono consigliate principalmente per malattie a carico dell’apparato respiratorio come asma, catarro, sinusite e polmoniti.

Stress

Oltre a queste affezioni, però, le grotte saline possono essere frequentate anche da chi ha le malattie dermatologiche come psoriasi o irritazioni di varia origine, problemi di circolazione, ipertensione, malattie reumatiche, disfunzioni metaboliche, ulcere e altre patologie dell’apparato gastrointestinale, allergie ( con accezione di quella allo iodio ), stress. Le grotte sono particolarmente indicate per la cura degli stati di stress e affaticamento emotivo; per questo motivo molte strutture presentano, oltre all’ambiente tipico di salgemma, anche ulteriori impianti per effettuare coloroterapia e musicoterapia, all’interno della stessa grotta. L’assunzione di particelle salutari avviene per inalazione, ma anche, in parte, assorbimento tramite l’epidermide.